STRUTTURA DELLA SCUOLA

Avvicinarsi alla politica vuol dire “capire” la politica, e ciò non può prescindere dal conoscere il passato del proprio Paese, dagli errori commessi, dal conoscere la nostra “Magna Charta”: la Costituzione.

Fare e capire la Politica significa sapere come funziona la macchina Amministrativa: dal Comune, alla Provincia, alla Regione, allo Stato; vuol dire conoscere le funzioni e i poteri dei vari amministratori locali, provinciali, regionali e parlamentari.

Il corso si sviluppa come una facoltà universitaria, in 3 anni, con lezioni svolte in e-learning e in presenza, quando questo tornerà possibile.

Durante i tre  A.A. le materie che si studieranno saranno:

  • Elementi di Diritto Pubblico;
  • Elementi di Diritto Privato;
  • Elementi di Diritto Costituzionale;
  • Elementi di Diritto Internazionale;
  • Storia delle Relazioni Internazionali;
  • Elementi di Sociologia Generale;
  • Filosofia Politica;
  • Gli Enti Locali: Regione, Provincie, Comuni;
  • Gli Enti Locali: Regioni a Statuto Speciale e Provincie Autonome;
  • Rapporto della Politica con il quarto Potere, la stampa;
  • Stampa e Politica;
  • Elementi di Informatica (Pacchetto Office);
  • Motivazione (Comunicazione, Autostima e Leadership);
  • Etica e Morale;
  • Attività Consiliari e Parlamentari.

Le lezioni saranno in e-learning ed in presenza, con video lezioni della durata di oltre 90 ore, corredate da dispense, che permetteranno al corsista di memorizzare al meglio le informazioni ricevute.

Mensilmente, i corsisti potranno e dovranno sostenere, tramite prenotazione, una prova d’esame con l’insegnante titolare della materia, per poter constatare il grado di preparazione raggiunto.

Alla fine di ogni Anno Accademico, i primi tre studenti che risulteranno più meritevoli, ad insindacabile giudizio dei docenti, avranno in premio un PC portatile ciascuno; dal quarto al sesto un tablet e dal settimo al decimo un “Moleskin notes” con penna digitale.

Alla fine del percorso di studi, verrà rilasciato un attestato comprovante il superamento dell’Anno Accademico della Scuola di Formazione Politica.

Il programma di studi prevede anche lezioni pratiche, in modo da far esercitare il corsista e passare dalla teoria alla pratica.

E’ stato  predisposto un “laboratorio”, o meglio un’“agorà” di greca memoria, dove esercitarsi a creare, proporre discutere, interrogare, interpellare, emendare, approvare o respingere leggi, proposte di legge e quant’altro sono nelle funzioni reali di chi fa politica, sotto l’ottica dei vari ruoli politici: quello di Consigliere Comunale, Provinciale o Regionale, fino al Deputato o Senatore della Repubblica.

Questa immaginaria “palestra” o “agorà”, l’abbiamo denominata “Parlamento Virtuale Italiano”, dove per accedervi bisogna iscriversi alla Scuola di Formazione Politica Apartitica.

Con l’iscrizione alla Scuola di Formazione Politica i corsisti riceveranno le credenziali sia per l’accesso sia alla piattaforma, dove troveranno tutte le video lezioni sopra indicate in modo propedeutico, sia al Parlamento Virtuale Italiano, proprio come nella realtà. Ogni iscritto si fregerà del titolo di “Onorevole” o “Senatore”, a seconda della Camera che sceglierà all’atto dell’iscrizione e di cui farà parte, e potrà accedere alle varie cariche (“Presidente del Senato” o della “Camera”) e tutte le altre cariche presenti nel panorama parlamentare reale, con il “Governo Virtuale”, il “Primo Ministro Virtuale”, “20 Ministri Virtuali” (uno per Regione), “40 Sottosegretari Virtuali” (due per Regione). Poi saranno istituiti i “Consigli Regionali Virtuali ”, le “Provincie Virtuali” e i “Comuni virtuali”, con “Governatori Virtuali”, “Presidenti di Provincia Virtuali” e “Sindaci Virtuali” ecc.) e quindi partecipare alla vita politica Virtuale del Parlamento Virtuale Italiano.

Gli “elettori”, delle varie “cariche istituzionali” dei propri amici e/o conoscenti reali presenti sui “social”, che saranno coinvolti elettoralmente, e che con i loro  “like” designeranno le varie cariche, proprio come nella realtà, in modo da iniziare a vivere e respirare lo stesso clima e provare le stesse sensazioni che si provano nella realtà.

L’Anno Accademico della Scuola di formazione inizia il 1 Aprile 2021.

Il Parlamento Virtuale Italiano si riunirà in seduta plenaria una volta l’anno a Roma, con obbligo di presenza di tutti gli eletti, e una volta ogni due mesi in ogni regione d’Italia (naturalmente quando tutto questo sarà di nuovo possibile), ed in tale occasione sarà obbligatoria la presenza degli eletti in ogni ordine e grado della regione ospitante, mentre per gli altri ci sarà la possibilità di seguire le sedute in modalità streaming o di partecipare di persona.

Anche durante le sedute bimestrali, ci sarà la possibilità per i corsisti, di dare, sempre su prenotazione, gli esami delle materie della Scuola di Formazione Politica.

È previsto un esame finale al termine dell’Anno Accademico. 

Vogliamo creare, insomma, una “Italia Virtuale”, con la partecipazione attiva e reale, anche se in un mondo virtuale (ma non troppo), della “gente comune”, vicina alla “gente”, che viva i problemi della “gente” e che risolva i problemi con il buon senso della “gente comune”. Vogliamo, insomma, che la gente diventi protagonista, protagonista del proprio futuro, creando una “democrazia dal basso”.

Naturalmente, le attività del Parlamento Virtuale Italiano saranno prettamente a carattere formativo, dettate dalla Scuola di Formazione Politica Apartitica.

I primi 1000 iscritti, andranno ad occupare gli scranni riservati a Deputati e Senatori Virtuali.

A chi è rivolta la Scuola di Formazione Politica Apartitica? È rivolta a tutti, a tutti i liberi cittadini, iscritti alla’Associazione Culturale “ PROGETTO NUOVA REPUBBLICA” in possesso di Diploma di Scuola Media Superiore, o che abbiano compiuto almeno 16 anni di età, a condizione che risultino iscritti al 3° anno di scuola superiore.

Il costo dell’iscrizione, per il primo Anno Accademico, è di 60,00 € (euro sessanta/00), un costo volutamente contenuto per dare a tutti l’opportunità di frequentare il corso di Formazione Politica.

Poiché la Scuola di Formazione Politica Apartitica è istituita dall’Associazione Culturale “Progetto Nuova Repubblica”, alla Scuola possono partecipare solo gli iscritti all’Associazione. L’iscrizione all’Associazione è di 10,00 € (dieci/00 euro) annui. Quindi al momento dell’iscrizione, ogni corsista deve necessariamente essere in possesso dell’iscrizione all’Associazione.

www.progettonuovarepubblica.it

www.parlamentovirtualeitaliano.it